NUOVA META TR 29: i primi commenti su questo tema


La nuova META TR 29 è qui! Pochi giorni prima del suo lancio, alcuni media francesi, Vojo Magazine e Enduro Tribe e Pinkbike hanno avuto l’opportunità di testare la nuova generazione della META TR 29. In questo articolo vi forniamo un riassunto delle loro prime reazioni.


Sulla carta

 

Se ciascuno dei tre giornalisti ha messo in evidenza le numerose evoluzioni del META TR, quello che sembra aver maggiormente segnato gli spiriti è l’aumento dell’escursione per i modelli RACE e SIGNATURE. Mike Kazimer (Pinkbike) aveva già avuto l'opportunità di provare la versione 2020 della META TR, allora con 130 mm di escursione. Per lui, questa evoluzione ha senso: “La COMMENCAL META TR ci aveva già impressionato con le sue capacità in discesa quando l’abbiamo testata qualche mese fa a Sedona, in Arizona. (…) Ora, la COMMENCAL META TR 29 si è impegnata ancora di più nel settore gravity, con 140 mm di escursione al posteriore e una geometria più lunga e generosa.”

Da parte sua, Léo Kervran (Vojo Magazine) parla di un “aumento dell’escursione, all’altezza di quanto fatto sulla Meta TR 29 SX: 140 mm al posteriore, con una forcella da 150 o 160 mm all’anteriore. Per gestire tutto ciò, arrivederci alla Pike che era ancora presente su alcuni modelli: ora è Fox 36 o RockShox Lyrik. La cinematica, ancora della tipologia a perno singolo con bielletta, viene anche rivista per apportare più dinamismo ed essere compatibile con un ammortizzatore a molla elicoidale, una vera richiesta dall’entourage Commencal”.


Per quanto riguarda l’ammortizzatore a molla sui modelli RACE e SIGNATURE, il nostro ingegnere Arthur QUET, spiega questa scelta al Vojo Magazine: “oltre la sua sensibilità leggermente migliore e l’assenza di problemi di surriscaldamento lungo la discesa, la molla elicoidale rende la bici più divertente e vivace. La molla ha un supporto maggiore a metà, quindi “restituisce” energia più velocemente e prima nell’escursione rispetto a un ammortizzatore ad aria, che tende a sedere un po’di più la bici. L'altro vantaggio di questa scelta è che gli ingegneri hanno notato che sulle piccole deflessioni si sfruttava una l’ampiezza dell’escursione con un ammortizzatore a molla rispetto a un ammortizzatore ad aria”.

Più in generale, una cosa è certa per questi tre media: è a livello di geometria che troviamo l’evoluzione più notevole. “L'angolo di sterzo arriva ora a 64,5 ° con una forcella da 160 mm (per il modello testato) e l'angolo del tubo sella è di 78,6 °, due gradi in più rispetto a prima. Anche il Reach aumenta considerevolmente e arriva a 490 mm nella taglia L, un aumento di 15 mm rispetto alla vecchia versione”, spiega Mike Kazimer (Pinkbike), mentre Antoine Hoffmann di Enduro Tribe spiega le ragioni di tutto questi cambiamenti: “Poiché la bicicletta deve funzionare su sospensioni regolate in modo diverso (ammortizzatore ad aria o a molla / escursione differente), vi sono buone probabilità che la geometria nella dinamica venga influenzata. Questo è uno dei motivi degli obiettivi ambiziosi della nuova Commençal Meta TR. Si tratta anche di correggere il dimensionamento, attenersi alle aspettative del momento e riorientare le masse in modo che, in azione, stressino la bici in modo ottimale”.


Vojo Magazine menziona le scelte geometriche direttamente correlate al programma più impegnato di questa nuova META TR: “non sorprende che la Meta TR si allunghi sull’ anteriore e si raddrizzi nella parte posteriore. A parte il fatto che tutti i marchi si stanno muovendo in questa direzione già da alcuni anni, è soprattutto coerente con il riposizionamento della bicicletta. (…) In geometria, tutto è una storia di alchimia”.

Ovviamente, l’estetica completamente rivista di questa META TR 29 non poteva passare inosservata. Una grande trasformazione per Vojo Magazine:Esteticamente, il cambiamento più significativo è la scomparsa del gomito formato dal tubo superiore quando si congiunge al tubo sella. Ora abbiamo un tubo perfettamente dritto, rinforzato da un tassello più o meno imponente a seconda della taglia della bici. (...) Ciò consente di accorciare il tubo sella da 20 a 35 mm e quindi di montare un reggisella con maggiore escursione, cosa che apprezziamo”.


Prime impressioni sulla bici 

Durante il suo primo giro con la META TR 29, Mike Kazimer (Pinkbike) sottolinea, come durante il test della META TR 29 RIDE 2020, siano emerse le qualità da discesa di questa nuova META TR 29: “COMMENCAL presenta la META TR come un “mini-enduro”. Dopo alcune uscite, direi che questa presentazione si adatta perfettamente, anche se potremmo rimuovere "mini". Non c'è motivo per cui non dovresti essere in grado di correre una gara con questa bici”. L'osservazione è la stessa su Vojo Magazine che convalida questa denominazione di “Mini-Enduro”: “la bici è vivace e può essere facilmente indirizzata, il che incoraggia a giocare con i movimenti del terreno e sfruttando l'intera larghezza (o anche un po’ di più) sentieri stretti di Beaufortain.”

Da Enduro Tribe, il test sul campo convalida le scelte geometriche assunte e descritte nell’articolo: “Immediatamente a suo agio, immediatamente pulita, immediatamente facile. Uscita dal camion, la bici sembra leggera. Al pedale, stessa impressione. Rende, è bilanciata e ti fa venire voglia inanellare speciali come perle. (...) Sull’angolo, nessuno scivolamento, nessuna insicurezza. Nonostante un terreno a volte accidentato con pietre o incrinato con radici, la Commencal Meta TR mantiene la traiettoria, la velocità e il rider in buona postura. Andrà bene! Oh si! Precisa, sana, facile, dinamica... La Commencal Meta TR Race e la sua molla hanno tutto ciò che serve per rendere les Crêtes la più bella pista di pump track gigante



Se un test più completo dovesse apparire nelle prossime settimane su Pinkbike, Mike Kazimer condivide, dopo alcune uscite, questa opinione generale sulla META TR: “Questa bici è davvero maneggevole. È imponente, ma non troppo. Può girare su tracciati scorrevoli senza dare l'impressione di fare troppo pur essendo perfettamente a suo agio su tracciati tecniche e sconnesse. (...) Finora le cose sono iniziate molto, molto bene”, ha concluso il giornalista americano.

La conclusione su questa META TR 29 per questi tre media?

Tutti concordano sul fatto che non è più una semplice MTB Trail come la intendiamo, un modello a bassa escursione derivato dalla versatile XC, ma una vera All Mountain pronta a impegnarsi per l’inizio delle competizioni enduro! Una bici che delizierà i riders che cercano una bici da enduro nervosa e reattiva a cui piace giocare con la propria macchina!

Leggete i tre articoli completi di seguito:

PINKBIKE VOJO MAGAZINE ENDURO TRIBE
 
 


       

FOLLOW US


Une question ?
• par téléphone : (+376) 73 74 93 de 9H à 19H, du Lundi au vendredi
• par e-mail : customerservice@commencal.com